Skip to main content
Malattia e infortunio

Durante la malattia, il lavoratore deve evitare comportamenti che possano ritardare la guarigione. Il datore può accertarsene anche senza la visita fiscale

By 1 Ottobre 2021No Comments

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Un dipendente assente per malattia è stato sorpreso a compiere attività che avrebbero quanto meno potuto ritardare la sua guarigione (spostava sacchetti di terriccio) dalla lombosciatalgia che gli impediva il suo abituale lavoro.
Il datore di lavoro ha pertanto deciso di licenziare il lavoratore per giusta causa.
All’esito dei giudizi che ne sono scaturiti, è stata confermata la legittimità del licenziamento poiché il comportamento del lavoratore era contrario ai doveri generali di correttezza e buona fede e agli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà.
Neppure è stata accettata la critica del lavoratore alle modalità di accertamento dei suoi comportamenti. Secondo il lavoratore, infatti, il controllo della malattia avrebbe dovuto essere operato esclusivamente mediante il medico fiscale. La Corte ha ribadito che, se gli accertamenti di carattere sanitario sono riservati ai servizi competenti, il datore di lavoro può ben contestare le risultanze delle certificazioni mediche valorizzando ogni circostanza di fatto idonea a dimostrare l’insussistenza della malattia o l’incapacità lavorativa che da essa consegue.

Da oltre vent’anni l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio esercita la professione di avvocato occupandosi esclusivamente di Diritto del Lavoro e delle relazioni sindacali e industriali.
Iscritto all'Albo degli Avvocati presso l'Ordine degli Avvocati di Milano, all'Albo Speciale degli avvocati ammessi al patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione e alle Altre Giurisdizioni Superiori, alla Associazione AGI – Avvocati Giuslavoristi Italiani e al network internazionale EELA – European Employment Lawyers Association, ha lavorato in alcuni tra i più importanti studi legali milanesi per poi intraprendere un percorso professionale autonomo, senza mai trascurare l’aggiornamento e la formazione. La continua innovazione dell’ordinamento giuridico che rende imprescindibile il costante aggiornamento è di sprone per individuare modalità sempre più efficienti per servire i clienti e anticiparne le esigenze. Per questo motivo, oltre che per passione personale, l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio coltiva la propria attività di ricerca e pubblicazione scientifica, necessaria per offrire al cliente il miglior servizio.
Contatta Vincenzo Fabrizio Giglio
Translate