Newsletter
«Decreto Dignità», D.L. 3 luglio 2018 - art. 1 Il termine per l’impugnazione della scadenza del contratto a tempo determinato viene esteso da 120 a 180 giorni. Viene pertanto esteso il tempo a disposizione del lavoratore cessato per scadenza del termine: tale tempo era già doppio rispetto all’analogo spazio concesso per l’impugnazione del licenziamento (60 giorni) e viene ora ad essere triplo. La scelta del legislatore va probabilmente ascritta alla situazione di molti lavoratori a tempo determinato i quali, nella speranza di ottenere un nuovo contratto, rinunziano all’impugnazione. In tal modo, i lavoratori si trovano a disporre di un periodo maggiore per verificare le intenzioni del datore di lavoro.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.