Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Un lavoratore con mansioni di aiuto¬Ėpasticcere veniva licenziato per non aver correttamente verificato che il gelato servito ad un cliente non contenesse latte o suoi derivati, ai quali il cliente aveva dichiarato di essere allergico. Tribunale e Corte di Appello ritenevano il recesso illegittimo in base all'assunto per cui, per un verso, ¬ęnon fosse esigibile dal lavoratore, anche in relazione alla qualifica posseduta, la riconoscibilit√†, ed ancor prima la conoscenza del significato della sigla (E427B) apposta sull'etichetta del gelato confezionato quale indicatore della presenza di derivati dalle proteine del latte¬Ľ e, per altro verso, la societ√† non avesse specificatamente formato il dipendente al riguardo, con la conseguenza che la condotta contestata ¬ęnon era connotata da quel grado di grave negligenza necessario per giustificare la risoluzione del rapporto di lavoro¬Ľ. Giunti in Cassazione, il datore di lavoro insisteva per la conferma del licenziamento ribadendo che, ignorando il significato delle indicazioni contenute sull'etichetta, il lavoratore avrebbe dovuto quantomeno manifestare dei dubbi circa l'esatta composizione del prodotto, facendo uso dell'ordinaria diligenza almeno nel tentare di informarsi prima di dare una risposta idonea a cagionare ad un cliente danni anche gravissimi. Anche in ultima istanza, tuttavia, il licenziamento √® stato ritenuto illegittimo poich√© in difetto di una specifica ed adeguata formazione, le conoscenze e il comportamento richiesti al lavoratore non erano esigibili.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.