Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Un anonimo ha fatto pervenire alla direzione aziendale la trascrizione di una chat, avvenuta nel gruppo Facebook del sindacato, nella quale si definivano ¬ęschiavisti¬Ľ i metodi dell'azienda e si indirizzavano all'amministratore delegato vere e proprie ingiurie. Ne sono seguiti il licenziamento dell'autore, RSA, e una causa, all'esito della quale la Suprema Corte ha ritenuto illegittimo il licenziamento. La Corte d'Appello aveva ritenuto, da un lato, che la stampa della chat non fosse idonea ad attestarne l'esatto contenuto e la sua data; inoltre le espressioni dedicate alla ¬ęfaccia¬Ľ dell'amministratore e al suo intelletto dovevano valutarsi come ¬ęcoloriture, ormai entrate nel linguaggio comune, tese a rafforzare il dissenso dai metodi dell'amministratore delegato¬Ľ. La Cassazione, nel confermare la decisione, ha tuttavia posto l'accento sulla segretezza della chat il cui contenuto era destinato a rimanere privato tra i suoi membri e andava dunque considerato come corrispondenza, inviolabile per precetto costituzionale. L'art. 15 Cost. infatti va applicato ad ogni forma ¬ędi comunicazione, incluse quelle telefoniche, elettroniche, informatiche, tra presenti o effettuate con altri mezzi resi disponibili dallo sviluppo della tecnologia¬Ľ. L'illecita acquisizione della chat, dunque, ne preclude l'utilizzabilit√†¬Ľ. La societ√† √® stata pertanto condannata al reintegro e al pagamento di un'indennit√† pari a 12 mensilit√†.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.