Newsletter

Corte di Cassazione

Un lavoratore con mansioni di venditore veniva licenziato per giusta causa per aver concluso una serie di contratti in contrasto con le policy aziendali, sebbene su ordine dei propri superiori gerarchici. La Corte di Cassazione ha osservato che il lavoratore aveva attuato le pratiche commerciali irregolari su ¬ępressione¬Ľ dei propri superiori gerarchici e che tale prassi era diffusa all'interno dell'azienda, nei confronti dei venditori, per aumentare il fatturato. ¬ęIn tale contesto¬Ľ, ha proseguito la Corte, √® ¬ędifficilmente immaginabile per il lavoratore [¬Ö] la possibilit√† di rifiutare di adeguarsi¬Ľ, anche in considerazione del fatto che il lavoratore era l'anello pi√Ļ debole di una catena gerarchica. Ai fini della sussistenza della giusta causa di licenziamento, dunque, ¬ęappare difficilmente configurabile la lesione dell'elemento fiduciario e la stessa ipotizzabilit√† del grave inadempimento soggettivo da parte del dipendente¬Ľ. Per tali ragioni, la Corte di Cassazione ha ritenuto il licenziamento del lavoratore illegittimo.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.