Newsletter

Corte d'Appello di Milano

Una lavoratrice affetta da un grave disturbo psichico veniva licenziata poiché, in un momento di ira, aveva inveito contro alcuni colleghi e proferito frasi come «ammazzo tutti», aveva preso a calci porte e sbattuto finestre, tanto che si era reso necessario l'intervento del 118 e della Polizia. La Corte d'Appello, sulla base di una consulenza medico legale, ha affermato che, al momento dei fatti, la lavoratrice era temporaneamente incapace di intendere e di volere; ha dunque annullato il licenziamento per insussistenza dei fatti e applicato alla lavoratrice la tutela reintegratoria di cui all'art. 18, comma 4, Statuto.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.