Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Un postino veniva licenziato per giusta causa per aver prolungato pi√Ļ volte la pausa pranzo oltre l'orario consentito, lasciando nello stesso tempo incustodita la posta e il mezzo di trasporto affidatogli. Il dipendente ha impugnato il licenziamento, sostenendo che, per i fatti ascritti, dovesse essere applicata la sospensione dal servizio fino a 10 giorni prevista dal CCNL per l'abituale negligenza o abituale inosservanza di norme e regolamenti. La Corte di Cassazione ha tuttavia respinto il ricorso confermando che ¬ęl'assenza ingiustificata dal servizio di un dipendente risulta infatti meno grave della condotta di colui che invece pur risultando regolarmente in servizio sceglie di intrattenersi con altri oltre l'orario consentito, senza aver svolto interamente i compiti affidatigli e connaturati alle proprie mansioni¬Ľ.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.