Newsletter

«Legge di Bilancio 2018»

Dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro dovranno pagare la retribuzione esclusivamente secondo le modalità che seguono: • bonifico sul conto corrente indicato dal lavoratore; • strumenti di pagamento elettronico; • pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento; • assegno consegnato al lavoratore o ad un suo delegato. Il divieto opera per qualunque rapporto di lavoro subordinato, per le collaborazioni coordinate e continuative, per i rapporti tra le cooperative e i loro soci. Restano escluse soltanto le pubbliche amministrazioni e i datori di lavoro domestici che applichino il contratto collettivo di riferimento. Il datore di lavoro o committente che viola il divieto è soggetto ad una sanzione amministrativa compresa tra Euro 1.000 ed Euro 5.000.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.