Newsletter

Garante Privacy

Il Garante privacy ha riconosciuto il diritto del datore di lavoro al controllo dei consumi telefonici delle SIM aziendali fornite ai lavoratori. L'azienda dovrà tuttavia attenersi a precise misure di tutela della riservatezza dei lavoratori. In particolare, i dati raccolti non potranno essere conservati per più di sei mesi. Inoltre, il datore dovrà informare adeguatamente i dipendenti e adottare un disciplinare interno per regolamentare le condizioni di uso delle SIM in dotazione ai dipendenti. Ancora, i dati del traffico resi disponibili dal gestore telefonico dovranno essere protetti mediante cifratura e, in seguito, anonimizzati. In presenza di consumi anomali, la società potrà rilevarne le cause e, ove necessario, evidenzierà al proprio interno l'esigenza di contenere i costi aziendali ma i dati non potranno essere trattati a fini disciplinari. Infine, trattandosi comunque di un sistema idoneo al potenziale controllo a distanza dei dipendenti, dovrà essere oggetto di accordo sindacale o autorizzazione amministrativa.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.