Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Le attivit√† di controllo affidate dal datore di lavoro ad un'agenzia investigativa possono avere ad oggetto soltanto la verifica di atti illeciti e non la vigilanza sull'attivit√† lavorativa vera e propria che pu√≤ essere direttamente esercitata solo dal datore di lavoro e dai suoi collaboratori. In altri termini, il ricorso agli investigatori pu√≤ giustificarsi solo nel caso in cui sia stato commesso un illecito e vi sia la necessit√† di una verifica pi√Ļ approfondita per accertare il contenuto effettivo delle violazioni oppure se vi sia un fondato sospetto che atti illeciti siano in corso di svolgimento. La Suprema Corte cita alcuni esempi di controllo investigativo legittimo, tra cui quello volto alla verifica della violazione del divieto di concorrenza o dell'uso improprio dei permessi ex L. n. 104/1992. I suddetti limiti si applicano anche ai lavoratori la cui prestazione sia resa prevalentemente all'esterno dell'azienda. Il caso esaminato √® relativo al licenziamento per giusta causa di un addetto alle ispezioni sui cantieri nei confronti del quale gli investigatori hanno accertato la falsa attestazione dei controlli dichiarati e, in realt√†, mai svolti. Dopo alterne vicende giudiziarie, la Corte ha accolto la tesi del lavoratore secondo cui l'attivit√† dell'agenzia investigativa √® avvenuta in assenza di un giustificato sospetto sulla realizzazione di condotte illecite.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.