Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

RFI S.p.A. licenziava un lavoratore accusato di aver falsamente attestato la propria presenza al lavoro per diverse giornate, tramite una manomissione del sistema di rilevazione. L'accertamento era stato compiuto dalla societ√† tramite un'agenzia investigativa. La Corte d'appello di Napoli confermava la validit√† del licenziamento. La Suprema Corte ha invece ritenuto violati gli artt. 2 e 3 Statuto dei Lavoratori a mente dei quali il datore pu√≤ avvalersi di terzi ¬Ė come un'agenzia investigativa ¬Ė diversi dalle guardie giurate per la tutela del patrimonio aziendale, cos√¨ come di controllare l'adempimento delle prestazioni lavorative e quindi di accertare le specifiche mancanze dei dipendenti. Tale potere di controllo non si estende per√≤ alla verifica dell'adempimento o meno dell'obbligazione contrattuale del lavoratore di prestare la propria opera: l'adempimento dell'attivit√† lavorativa √® infatti sottratto alla vigilanza la quale deve limitarsi agli atti illeciti del lavoratore non riconducibili al mero inadempimento dell'obbligazione principale.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.