Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

La Cassazione ha chiarito che ogni assenza per malattia è computabile nel periodo di comporto, fatta eccezione per il solo caso in cui la malattia sia attribuibile alla responsabilità del datore di lavoro. La Suprema Corte ha così corretto la decisione della Corte d'Appello di Firenze che aveva invece ritenuto meritevoli di esclusione dal computo tutte le malattie di origine professionale, indipendentemente del fatto che il loro insorgere sia imputabile o meno alla responsabilità del datore di lavoro.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.