Newsletter

INL

Il datore di lavoro che corrisponde la retribuzione in contanti ai lavoratori richiedenti asilo che non hanno ancora formalizzato il permesso di soggiorno è sanzionabile con la sanzione pecuniaria prevista per la generalità dei lavoratori e compresa tra un minimo di Euro 1.000 e un massimo di Euro 5.000. Anche per queste ipotesi, infatti, vige l'obbligo di corrispondere la retribuzione con le modalità previste dalla legge, ossia per il tramite di una banca o di un ufficio postale.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.