Newsletter

«De iure condendo»

Il Parlamento ha approvato il DDL sulla «tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato». Questi i tratti principali, in ambito privato: • il modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/2001 deve prevedere dei canali (di cui almeno uno con modalità informatiche) che consentano ai dipendenti di presentare, a tutela dell'integrità dell'ente, segnalazioni circostanziate di condotte illecite e fondate su elementi di fatto precisi e concordanti di cui siano venuti a conoscenza in ragione delle funzioni svolte; tali canali devono garantire la riservatezza del segnalante; • l'interesse all'integrità dell'ente nonché alla prevenzione e alla repressione delle malversazioni, legittimano la rivelazione di notizie coperte dall'obbligo di fedeltà del dipendente; • sono vietati atti di ritorsione nei confronti del segnalante per motivi collegati, direttamente o indirettamente, alla segnalazione; • sono nulli il licenziamento, il mutamento di mansioni nonché qualsiasi altra misura ritorsiva o discriminatoria adottata nei confronti del segnalante; • in caso di controversia legata ad atti di riflesso negativo sul dipendente, successivi alla presentazione della segnalazione, è onere del datore di lavoro dimostrare che tali misure sono fondate su ragioni estranee alla segnalazione stessa.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.