Newsletter

INPS

La legge prevede che per i rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato il datore di lavoro versi un contributo addizionale pari all'1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Tale contributo concorre al finanziamento della NASPI. Il Decreto Dignit√† ha disposto l'aumento del contributo addizionale nella misura dello 0,50%, in occasione di ogni rinnovo del contratto a termine, anche in regime di somministrazione, con esclusione dei contratti di lavoro domestico. L'incremento si applica al rinnovo di ogni tipologia di contratto a termine sottoposta a contributo addizionale, successivo al 13 luglio 2018. L'incremento √® dovuto anche in caso di modifica della causale apposta al contratto a termine, poich√© in tale circostanza la modifica √® considerata un rinnovo. Anche il contributo addizionale, tuttavia, pu√≤ essere oggetto di rimborso in caso di ¬ęstabilizzazione¬Ľ del lavoratore ma solo per quota derivante dall'ultimo rinnovo. Le precedenti no.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.