Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

La società italiana che riceve in Italia la prestazione di lavoratori distaccati da datori extracomunitari deve pagare i contributi previdenziali ed assistenziali per tali dipendenti. Questo principio può essere derogato solo dagli eventuali accordi in deroga stipulati tra Stato extracomunitario e lo Stato membro dell'UE. Pertanto, fatta salva l'ipotesi di un accordo in deroga al principio della territorialità dell'obbligo contributivo per effetto di una condizione di reciprocità, nel caso di impiego di lavoratori stranieri extracomunitari distaccati in Italia alle dipendenze di una collegata società italiana, quest'ultima è tenuta ai correlativi obblighi contributivi previdenziali e assistenziali ove risulti accertata la sua posizione di effettiva datrice di lavoro, ricevendone le prestazioni con carattere di stabilità e di esclusività, a prescindere dal fatto che gli stessi lavoratori siano sprovvisti della cittadinanza italiana, stante il principio della territorialità delle assicurazioni sociali.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.