Newsletter

«Manovrina 2017»

Inoltre, è previsto un limite quantitativo alla prestazione occasionale che può essere utilizzata da ciascun committente pari a 280 ore per anno civile. La norma non è chiara ma sembra doversi ritenere che le 280 ore siano riferibili a ciascun prestatore e non al complesso delle prestazioni occasionali utilizzate dal committente (ciò perché la grave sanzione, che vedremo più avanti, colpisce il «relativo rapporto»). Nel settore agricolo, il limite orario è individuato nel rapporto tra limite annuo del compenso per utilizzatore (Euro 2.500,00) e valore orario del compenso, ricavato dal contratto collettivo applicabile (cfr. infra).

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.