Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Un lavoratore divenuto fisicamente inidoneo alle proprie mansioni anziché essere adibito a mansioni compatibili con il proprio stato di salute veniva licenziato. La Corte di Cassazione ha ricordato che il datore di lavoro ha l'obbligo di adibire il lavoratore a mansioni alternative possibili e compatibili con il suo stato di salute. In difetto, ha concluso la Corte, «l'art. 18 [dello Statuto] prevede espressamente la reintegrazione per il caso in cui il giudice accerti il difetto di giustificazione del licenziamento “intimato per motivo oggettivo consistente nell'inidoneità fisica o psichica del lavoratore”, senza attribuire al giudice stesso alcuna discrezionalità». La Corte di Cassazione ha quindi riconosciuto il diritto del lavoratore a essere reintegrato nel posto di lavoro.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.