Newsletter

Corte d'Appello di Torino

La Corte d'Appello di Torino ha reso note le ragioni per le quali ha riformato la sentenza con cui il Tribunale di Torino aveva ritenuto autonomi i ciclo-fattorini di Foodora. Secondo la Corte d'Appello, i riders incarnano la ¬ęcollaborazione etero-organizzata¬Ľ introdotta dal ¬ęJobs act¬Ľ per superare il contratto a progetto. Questa innovativa sentenza stabilisce dunque che le collaborazioni continuative (le vecchie co.co.co.), a certe condizioni, diventano un terzo genere di rapporto lavorativo: ¬ęci√≤ significa che il lavoratore etero-organizzato resta, tecnicamente, ¬ďautonomo¬Ē ma per ogni altro aspetto, e in particolare per quel che riguarda sicurezza e igiene, retribuzione diretta e differita (quindi inquadramento professionale), limiti di orario, ferie e previdenza, il rapporto √® regolato nello stesso modo¬Ľ del rapporto di lavoro subordinato. ¬ęLa collaborazione √® qualificabile come etero-organizzata quando √® ravvisabile un'effettiva integrazione funzionale del lavoratore nella organizzazione produttiva del committente, in modo tale che la prestazione lavorativa finisce con l'essere strutturalmente legata a questa¬Ö [ed] √® il committente che determina le modalit√† dell'attivit√† lavorativa svolta dal collaboratore¬Ľ. ¬ęAltro aspetto importante¬Ö √® quello di accertare se la prestazione lavorativa ha il carattere della ¬ďcontinuativit√†¬Ē¬Ö intesa¬Ö come non occasionalit√† e¬Ö come svolgimento di attivit√† che vengono¬Ö reiterate nel tempo¬Ľ.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.