Newsletter

Corte di Cassazione

Le dimissioni rese in un momento in cui il lavoratore √® incapace di intendere o di volere possono essere annullate, purch√© il lavoratore provi, tra altro, il proprio stato di incapacit√† al momento delle dimissioni. La Corte di Cassazione ha chiarito che ¬ęnon occorre la totale privazione delle facolt√† intellettive e volitive [ma] √® sufficiente un turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volont√† cosciente¬Ľ, sicch√© il lavoratore non ha la consapevolezza dell'importanza dell'atto che sta per compiere. L'annullamento delle dimissioni comporta il ripristino del rapporto di lavoro e, sul piano economico, il lavoratore ha diritto alle retribuzioni maturate dal momento della domanda giudiziale di annullamento sino alla sentenza.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.