Newsletter

Corte di Cassazione, Sez. Pen.

L'occupazione come lavoratore dipendente, sia a tempo determinato che indeterminato, di un cittadino extracomunitario è consentita solo se questi è titolare di un regolare permesso di soggiorno a fini lavorativi. Tale permesso deve essere validamente rilasciato e coprire l'intera durata del rapporto di lavoro. L'unica apparente eccezione è prevista per il permesso lavorativo scaduto per il quale sia stata tempestivamente avanzata richiesta di rinnovo. Il successivo conseguimento del permesso di soggiorno non è idoneo a scriminare il reato commesso per il passato, valendo l'eventuale regolarizzazione soltanto per il futuro.

Dove siamo

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. 
Continuando ad utilizzare il sito, accetti i termini d'utilizzo dei cookie.