Skip to main content
L. N. 104/1992

Trasferimento del lavoratore che assiste un disabile: non rileva la gravità dell’handicap ma la necessità di cura

By 1 Settembre 2022No Comments

Corte di Cassazione, Sez. Lav.

Una lavoratrice veniva licenziata per giusta causa poiché aveva disatteso l’ordine datoriale di assumere servizio presso la sede aziendale di La Spezia. In particolare, la dipendente e si era presentata al lavoro nella consueta sede di Roma, ritenendo il proprio trasferimento illegittimo ed invocando l’applicazione della norma che impedisce il trasferimento del lavoratore che assiste un familiare disabile, in assenza del suo consenso.
La società datrice di lavoro resisteva in giudizio, sostenendo che la norma invocata dalla lavoratrice interviene a beneficio dei dipendenti che usufruiscono dei tre giorni di permesso mensili per assistere «una persona con disabilità in situazioni di gravità», requisito mancante nel caso concreto.
La Corte di Cassazione, ha dato ragione alla Società, precisando tuttavia che, occorre operare una lettura costituzionalmente orientata della citata disposizione. Ciò che rileva, infatti, non è la presenza di una disabilità in forma grave ma la necessità effettiva del familiare di ricevere assistenza. Conseguentemente, il diritto del lavoratore di opporsi al trasferimento prevale sull’interesse dell’azienda, solo a condizione che sia comprovata la insopprimibile necessità di assistenza familiare.
Nel caso di specie, la Cassazione ha confermato la validità del licenziamento disciplinare, in quanto il familiare, disabile non grave, non versava in uno stato tale che rendesse necessaria un’assistenza continuativa.

Da oltre vent’anni l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio esercita la professione di avvocato occupandosi esclusivamente di Diritto del Lavoro e delle relazioni sindacali e industriali.
Iscritto all'Albo degli Avvocati presso l'Ordine degli Avvocati di Milano, all'Albo Speciale degli avvocati ammessi al patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione e alle Altre Giurisdizioni Superiori, alla Associazione AGI – Avvocati Giuslavoristi Italiani e al network internazionale EELA – European Employment Lawyers Association, ha lavorato in alcuni tra i più importanti studi legali milanesi per poi intraprendere un percorso professionale autonomo, senza mai trascurare l’aggiornamento e la formazione. La continua innovazione dell’ordinamento giuridico che rende imprescindibile il costante aggiornamento è di sprone per individuare modalità sempre più efficienti per servire i clienti e anticiparne le esigenze. Per questo motivo, oltre che per passione personale, l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio coltiva la propria attività di ricerca e pubblicazione scientifica, necessaria per offrire al cliente il miglior servizio.
Contatta Vincenzo Fabrizio Giglio
Translate