Skip to main content
Malattia e infortunio

Non c’è responsabilità del datore per l’infortunio se il lavoratore non prova la «nocività» dell’ambiente lavorativo

By 17 Gennaio 2022No Comments

Corte di Cassazione, VI Se. Civ.

Un gruista escavatorista riportava un infortunio sul lavoro a causa della sua condotta imprudente: egli, infatti, si era ferito gravemente al viso durante le operazioni di scarico del materiale poiché aveva forzato il portello posteriore del camion con un martello, causandone l’apertura improvvisa.
La Corte d’Appello accoglieva la domanda del lavoratore che chiedeva la condanna della società al risarcimento del danno non patrimoniale riportato. La Suprema Corte, tuttavia, ha ribadito che il dipendente ha l’onere di provare e allegare non solo l’esistenza del danno patito ma anche la nocività dell’ambiente di lavoro con l’indicazione dei concreti fattori di rischio ed il nesso causale tra esistenza del danno e nocività dell’ambiente di lavoro. Solo se il lavoratore ha fornito tale prova, il datore ha l’onere di provare a sua volta di aver adottato tutte le cautele necessarie ad impedire il verificarsi del danno e di dimostrare che l’infortunio del dipendente non è ricollegabile all’inosservanza di tali obblighi.
Poiché il lavoratore non aveva fornito tale prova, la Corte di Cassazione ha negato la responsabilità del datore.

Da oltre vent’anni l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio esercita la professione di avvocato occupandosi esclusivamente di Diritto del Lavoro e delle relazioni sindacali e industriali.
Iscritto all'Albo degli Avvocati presso l'Ordine degli Avvocati di Milano, all'Albo Speciale degli avvocati ammessi al patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione e alle Altre Giurisdizioni Superiori, alla Associazione AGI – Avvocati Giuslavoristi Italiani e al network internazionale EELA – European Employment Lawyers Association, ha lavorato in alcuni tra i più importanti studi legali milanesi per poi intraprendere un percorso professionale autonomo, senza mai trascurare l’aggiornamento e la formazione. La continua innovazione dell’ordinamento giuridico che rende imprescindibile il costante aggiornamento è di sprone per individuare modalità sempre più efficienti per servire i clienti e anticiparne le esigenze. Per questo motivo, oltre che per passione personale, l'avvocato Vincenzo Fabrizio Giglio coltiva la propria attività di ricerca e pubblicazione scientifica, necessaria per offrire al cliente il miglior servizio.
Contatta Vincenzo Fabrizio Giglio
Translate